Trombone - Musica di Minusio

Vai ai contenuti

Menu principale:

Trombone

Scuola Allievi > Docenti
Danilo Moccia, insegnante di trombone


Sono nato a Locarno 8.7.1956
Ho ascoltato musica fin da piccolo; mio padre Blondel fu un vero appassionato.
Suonava il clarinetto in alcune bande del Locarnese e gran parte del suo tempo libero lo passava esercitandosi.
Per  me ed i miei fratelli è stato quindi facile avvicinarci alla musica.  Aurelio suonava e suona tuttora il clarinetto, mentre Laura per diversi  anni si dedicò al flauto traverso.

A nove anni, dopo un paio  d'anni (interminabili) di solfeggio, ricevetti dalla Musica Cittadina di  Locarno il mio primo strumento. Non fu il desiderato trombone ma un  vecchio flicorno contralto (genis) senza lacca e con il caratteristico  odore d'ottone e muffa.
Dopo due anni, nel frattempo il braccio destro si era allungato a sufficienza, potei passare al tanto atteso trombone.
Ricordo  con piacere le prime esibizioni pubbliche. Con mio fratello e un  gruppetto di suoi amici formammo, sotto la guida di nostro padre, una  bandella e restammo insieme per diversi anni. Le ossa ce le facemmo  durante i carnevali e quando fummo abbastanza bravi partecipammo a  diversi concorsi per bandelle (credo che ai giorni nostri non esistano  più). La gente, ma anche la giuria, si stupiva perché eravamo l'unico  gruppo con componenti così giovani.

In seguito è nato l'amore per  il jazz che mi ha spinto a frequentare la Swiss Jazz School di Berna.  In quegli anni ebbi modo di farmi conoscere e iniziare così l'attività  professionale. Ora, come quasi tutti i musicisti, alterno l'attività di  esecutore con quella di insegnante.

Insegnare è bello ma non  sempre facile. Restare a contatto con i giovani è un privilegio non a  tutti concesso. Mi ritengo pure fortunato perché in tutti questi anni ho  sempre avuto, salvo qualche rarissima eccezione, allievi motivati.  Provo soddisfazione quando uno di loro decide di far parte di un gruppo  musicale. Il fatto che ogni esecutore dia, con il suo piccolo o grande  contributo, un apporto fondamentale al risultato finale, mi affascina.
Grazie alla musica ho conosciuto persone splendide che mi hanno insegnato ad apprezzare la vita.


 
Torna ai contenuti | Torna al menu